Sito ufficiale del G.C. Castelrossese - Codice Fiscale 91023800013

       

La nostra storia
LourdesLourdes.html
I tre coraggiosiI_tre_coraggiosi.html
AmsterdamAmsterdam.html
Un “Camino” solitarioUn_Camino_solitario.html
I GiroRaccontiI_GiroRacconti.html
Album FotoAlbum_Foto/Album_Foto.html
Rassegna StampaRassegna_Stampa.html
Ultime NewsUltime_News.html
Calendario GareCalendario_Gare.html
Il DirettivoIl_Direttivo.html
ContattaciContattaci.html
Gruppo Ciclistico Castelrossese
 

La nostra storia

 

La storia iniziò nel lontano giugno 1987 quando un gruppo di “coraggiosi” ciclisti partecipò alla ciclolonga della pace Carmagnola - Assisi. In occasione di quella pedalata Luciano Ferrero, Sisto Actis Dato, Carlo Cagliero, Ottaviano Solazzo, Pierangelo Ferrero e Piero Durante percorsero circa 600 Km in tre giorni. Al ritorno a Castelrosso, in occasione della festa del paese, il parroco Don Nicolino Averono lanciò l’idea di creare una nuova associazione. I 6 ciclisti, coinvolgendo l’imprenditore Pier Giorgio Cazzamani, appassionato ciclista pure lui, fecero sì che quell’idea divenne realtà. E così nel mese di novembre di quell’anno nasce ufficialmente il Gruppo Cicloturistico “Casa della Gioventù - Arredamenti Cazzamani”.

Il 10 aprile 1988 all’inaugurazione ufficiale della società era presente il grande campione del pedale Giuseppe Saronni. Dopo la prima fotografia di gruppo davanti alla Casa della Gioventù (così è chiamato l’oratorio di Castelrosso) partì il primo giro cicloturistico attraverso i paesi di Verolengo, Borgo Revel, Crescentino, Saluggia e Torrazza Piemonte. Al ritorno a Castelrosso il gruppo partecipò alla Santa Messa, durante la quale il Vescovo Mons. Bettazzi benedì il nuovo gagliardetto. Al termine della cerimonia religiosa, sulla piazza della Chiesa, due piccoli aerei, giunti dall’aeroporto di Biella, sfrecciarono acrobaticamente, lanciando volantini di benvenuto.

Presidente del gruppo è Pier Giorgio Cazzamani, che con il suo contagioso entusiasmo e la sua inarrestabile vitalità è tuttora il perno dell’associazione. Vicepresidente è il parroco Don Nicolino Averono. Sin dall’inizio dell’avventura, l’associazione si caratterizza per la sua vocazione alla pratica del cicloturismo secondo il vero significato della parola: fare del turismo in bicicletta alla scoperta di località più o meno lontane, pedalando tutti insieme e cementando così un autentico spirito di squadra. L’associazione, che raccoglie soci e simpatizzanti non soltanto a Castelrosso, ma anche nei paesi limitrofi, conta inizialmente di 45 iscritti, con età variabile dai 15 ai 60 anni e di ogni ceto sociale. Per tutti, però, l’intento è quello di praticare dello sport, stare tra amici e pedalare in allegria. E con la mitica maglia giallo-blu portare il nome della Casa della Gioventù per le strade dell’Italia. Le avventure memorabili del gruppo cicloturistico sono davvero tante. Ecco in ordine cronologico le tappe salienti di 25 anni di frenetica attività:


  1. 1988 - Ciclolonga della pace Carmagnola - Assisi

  2. 1989 - Visita al Santuario di Gesù Bambino ad Arenzano (Ge)

  3. 1989 - Raid Castelrosso - Santa Maria di Leuca (Le), 1200 Km percorsi in soli 6 giorni da tre dei fondatori del gruppo (Cagliero Carlo, Solazzo Ottaviano e Durante Piero)

  4. 1990 - Castelrosso - Roma, 750 Km percorsi in 5 giorni

  5. 1991 - Castelrosso - Lourdes, 1187 km in 6 giorni, ad una media di 200 Km al giorno

  6. 1992 - Castelrosso - Amsterdam, attraversando la Svizzera, la Francia, il Lussemburgo, il Belgio e l’Olanda

  7. 1992 - Castelrosso - Santuario della Madonna del Ghisallo (Co)

  8. 1993 - Castelrosso - Santiago de Compostela in occasione del cinquecentenario dell’anno Composteliano. E’ il tour più massacrante mai fatto: 2100 Km passando dal Monginevro, facendo tappa a Lourdes e proseguendo attraverso i più suggestivi paesi del Nord della Spagna

  9. 1994 - Raid ciclistico della Sardegna, 800 Km in 6 giorni

  10. 1995 - Castelrosso - Parigi, il raid più difficile in quanto a chilometraggio, 900 Km in 5 giorni, con deviazione per visitare i Castelli della Loira

  11. 1996 - Giro dell’Umbria, con tappe ad Assisi, Perugia e Spello

  12. 1997 - 1998 - Scalata delle mitiche vette del Tour de France (Iseran, Galibier, Alpe d’Huez, Les Deux Alpes, Col de la Bonnette, Colle dell’Agnello, etc.)

  13. 1999 - San Giovanni Rotondo

  14. 2000 - Tour dell’Austria

  15. 2001 - Tour della Germania (Foresta Nera)

  16. 2002 - Giro della Sardegna

  17. 2003 - Raid del Triveneto

  18. 2004 - Giro delle Dolomiti e Tour della Sicilia

  19. 2005 - Giro della Corsica

  20. 2006 - Giro delle 5 Terre

  21. 2006 - Giro della Toscana

  22. 2006 - Tour dell’Umbria in MTB

  23. 2007 - Giro della Puglia

  24. 2007 - Visita alla Gole del Verdon (Provenza, Francia)

  25. 2008 - Giro dell’Isola d’Elba

  26. 2008 - Tirreno - Adriatico

  27. 2009 - Giro delle Dolomiti

  28. 2009 - Via del Sale in MTB (Limone Piemonte, Colle di Tenda, Ventimiglia)

  29. 2010 - Giro del Veneto e del Delta del Po

  30. 2010 - Santiago de Compostela

  31. 2011 - Giro dell’Umbria e delle Marche

  32. 2012 - Tour dell’Istria - Croazia

  33. 2013 - Tour della Sardegna in MTB

  34. 2014 - Tour della Calabria

  35. 2015 - Giro sulle sponde del Po

  36. 2016 - Giro del Friuli Venezia Giulia

  37. 2017 - Tour della Costiera Amalfitana


Va inoltre segnalata la partecipazione del gruppo alle più importanti Gran Fondo del panorama ciclistico nazionale, come la Nove Colli di Cesenatico, la Maratona delle Dolomiti, il giro delle Langhe e del Roero (Bra - Bra), la Fausto Coppi, la Felice Gimondi, etc.. e l’assidua partecipazione a tutti i raduni cicloturistici Canavesani, Provinciali e Regionali.

Nel 2009, per motivi logistici, il direttivo decide di cambiare la ragione sociale dell’associazione. Il 13 novembre 2009 nasce così la nuova società “Gruppo Ciclistico Castelrossese - Arredamenti Cazzamani”, con lo scopo di continuare a trasmettere il fascino straordinario che questa passione esercita su chi la pratica con impegno e continuità.

Il 2012 è stato consacrato ai festeggiamenti del 25-esimo anno di attività. Il gruppo ciclistico ha deciso di festeggiare questo evento con una nuova divisa sociale, mantenendo però sempre i tradizionali colori giallo-blu.