Sito ufficiale del G.C. Castelrossese - Codice Fiscale 91023800013

       

La nostra storiaLa_nostra_Storia.html
LourdesLourdes.html
I tre coraggiosiI_tre_coraggiosi.html
Amsterdam
Un “Camino” solitarioUn_Camino_solitario.html
I GiroRaccontiI_GiroRacconti.html
Album FotoAlbum_Foto/Album_Foto.html
Rassegna StampaRassegna_Stampa.html
Ultime NewsUltime_News.html
Calendario GareCalendario_Gare.html
Il DirettivoIl_Direttivo.html
ContattaciContattaci.html
Gruppo Ciclistico Castelrossese
 
 

Il 23 agosto 1992 prese il via il raid Castelrosso - Amsterdam, un tour di sette giorni attraverso alcune delle regioni più belle d’Europa. A questo tour presero parte alcuni ciclisti del gruppo: Carlo Cagliero, Gianfranco Careggio, Pier Giorgio, Vittorio e Carlo Cazzamani, Piero Durante, Paola Monaco, Massimo Olivero, Gianfranco Tecchio, Ezio ed Andrea Torasso, accompagnati da Emiliano Cazzamani, paziente e simpaticissimo autista del furgoncino al seguito.

La prima vera asperità del percorso fu rappresentata dal Colle del Gran San Bernardo, una salita di 34 km che da Aosta porta al confine svizzero, a 2470 metri di quota. Nonostante il vento e la pioggia via via più insistenti, il gruppo proseguì spedito prima sino a Martigny e poi sino a Bulle, la meta del primo giorno, attraverso i saliscendi delle Alpi Svizzere.

In totale 167 Km di percorso, non male per essere la prima tappa! Il secondo giorno i ciclisti, accarezzati da una fresca brezza e da un sole primaverile, percorsero i 162 Km che portano a Basilea attraverso paesaggi da cartolina, con prati verdissimi, macchie di bosco, chalet in legno e vacche al pascolo. Nella terza e quarta tappa, pedalando tra i continui saliscendi dell'Alsazia e della Lorena, i ciclisti arrivarono prima a Epinal (dopo 148 Km) e poi a Metz (dopo 152 Km).

La quinta tappa, da Metz a Bastogne, fu piuttosto breve (136 Km). Durante il tragitto i nostri ciclisti ne approfittarono per visitare la città di Lussemburgo, capitale dell'omonimo stato. Il penultimo giorno, sotto un cielo plumbeo, i dodici temerari viaggiarono spediti, con destinazione Bruxelles e Anversa. Il percorso fu molto impegnativo: 198 Km attraverso le asperità delle Ardenne.

In serata, i più nottambuli, non sfiniti dalla faticosa giornata in bicicletta, si lanciarono in una lunga passeggiata per le vie di Anversa, fino alla stupenda cattedrale gotica. Tra loro, l'infaticabile Pier Giorgio Cazzamani, presidente della società ciclistica.

La settima e ultima tappa fu senza dubbio la più bella. Partiti sotto una pioggia scrosciante, i nostri amici pedalarono felici verso la vicina meta. Attraverso corsi d'acqua, prati, casette da fiaba e piste ciclabili, i dodici ciclisti raggiunsero la città di Amsterdam dopo 180 Km di percorso. Il raid si concluse così: 1143 Km per raggiungere la terra dei tulipani e dei mulini a vento.

Non tutti però si fermarono qui: Paola Monaco e Carlo Cazzamani proseguirono ancora il viaggio verso nord, con obiettivo finale Bergen, in Norvegia!

Nella terra dei tulipani e dei mulini a vento